Regolamento Indirizzo Musicale

Il presente regolamento è redatto tenendo conto della seguente normativa vigente in materia di insegnamento dello strumento musicale nella Scuola Secondaria di I grado:

– D.M. del 6 agosto 1999 n. 235 – Riconduzione ad ordinamento dei corsi sperimentali ad indirizzo musicale nella scuola media ai sensi della legge 3.05.1999 n. 124 art.11, comma 9

– D.M. del 6 agosto 1999 n. 201 – Corsi ad Indirizzo Musicale nella scuola Media – Riconduzione e Ordinamento – Istituzione classe di concorso di “Strumento Musicale” nella scuola media.

Art. 1 – Per essere ammessi al Corso di Strumento gli alunni devono preventivamente sostenere una prova basata su test che servono a valutare le loro attitudini musicali, non è richiesta agli aspiranti alcuna conoscenza musicale di base;

Art. 2 – La prova orientativo-attitudinale è predisposta dalla Scuola, in base alla normativa vigente. Le prove sono svolte per tutti i candidati con le stesse modalità e consistono in esercizi atti a verificare e valutare l’attitudine musicale, il senso ritmico, l’intonazione e la predisposizione alla pratica strumentale;

Art. 3 – La commissione utilizza i seguenti criteri per l’assegnazione dello strumento: attitudine per lo studio di un determinato strumento, equa distribuzione degli alunni nei gruppi strumentali, esperienze pregresse ed eventuale possesso di uno strumento, preferenza indicata dall’alunno in fase di iscrizione;

Art. 4 – L’esito della prova e l’attribuzione dello strumento di studio, sarà pubblicata sul sito Web dell’Istituto. Entro 5 giorni dalla data di pubblicazione è ammessa rinuncia da parte della famiglia dell’alunno alla frequenza ai Corsi ad Indirizzo Musicale;

Art. 5 – La Commissione di valutazione è composta dai professori di strumento;

Art. 6 – Una volta ammesso al corso ad indirizzo musicale, l’alunno e tenuto a frequentare l’intero triennio di corso e non e consentito ritirarsi;

Art. 7 – Non e consentito cambiare strumento nel corso del triennio;

Art. 8 – Lo strumento musicale è una disciplina di studio al pari di tutte le altre e una delle prove dell’Esame di Stato conclusivo (ex Licenza media);

Art. 9 –  La frequenza delle attività musicali pomeridiane è, a tutti gli effetti, parte del curricolo scolastico. Pertanto le giustificazioni di eventuali assenze e ritardi e la richiesta di entrata/uscita fuori orario, avvengono con le stesse modalità delle attività mattutine. In particolare le assenze dovranno essere giustificate all’insegnante della prima ora del mattino in cui avviene il rientro a scuola. Per eventuali entrate e/o uscite anticipate vale il regolamento generale di Istituto;

Art. 10 – Per lo studio quotidiano ogni famiglia, in base alle proprie disponibilità, s’impegna a mettere a disposizione dell’alunno lo strumento musicale che gli è stato assegnato, i libri di testo e degli accessori vari utili allo studio;

Art. 11 – E’ obbligatorio portare a scuola il proprio strumento, i libri e il diario per le ore di lezione pomeridiane;

Art. 12 – Gli orari possono subire variazioni o modifiche in corso d’anno, sulla base di esigenze didattico-organizzative. Di tale variazione sarà data preventiva comunicazione alle famiglie degli interessati;

Art. 13 – Il primo modulo pomeridiano di lezione di strumento dovrà essere preceduto da un intervallo durante il quale i ragazzi consumeranno un panino nello spazio mensa. Nell’intervallo il responsabile della sorveglianza sarà un insegnante di strumento;

At. 14 – Se fossero disponibili sarà possibile prendere in prestito alcuni strumenti della scuola, previa compilazione di un modulo. Un’eventuale manutenzione dello strumento preso in prestito resta a carico della famiglia.

 

I docenti di Strumento

firma autografa omessa ai sensi dell’art.3 del d.lgs. n 39/1993