BENVENUTI NEL CASTELLO!

(ovvero: un Carnevale un po’ insolito, divertente e ricco di spunti per i “lavori” futuri…)

17/02/2016

 

Circa due settimane fa, il Mago Trasformello ci ha inviato un videomessaggio.

Molto incuriositi, l’abbiamo visto e ascoltato: il Mago – tutto contento – ci ha raccontato che Baldovino (il re che governa il reame di Grande Bosco, in cui è situato il paese di Borgobello, dove vive il Mago) l’aveva invitato al castello per la grande festa di Carnevale.

“E voi? Farete una festa a Carnevale? Perché non provare a mascherarvi come gli abitanti del castello?” ci ha suggerito il Mago.

Dopo aver ascoltato il messaggio, ci è sembrato che l’idea del Mago fosse davvero interessante…

Così abbiamo deciso che ogni classe del nostro salone avrebbe rappresentato una corte (casata) e interpretato i personaggi del castello: re, regina, principe, principessa, fata, giullare, dama, cavaliere, guardia… e forse anche strega e fantasma!

La Classe Rossa ha scelto uno stemma con un cuore rosso fiammante (Corte del Cuore); la Classe Gialla uno stemma con un grande sole giallo (Corte del Sole) e la Classe Azzurra uno stemma con un magnifico fiordaliso azzurro (Corte del Fiordaliso).

Poi ogni bambino ha scelto quale personaggio interpretare e abbiamo cominciato a realizzare costumi e accessori…

Intanto un gruppo di genitori – in gran segreto – ha dipinto mattoni, costruito fiaccole e catene e la sera precedente la festa ha realizzato l’ingresso e le mura di un castello (con tanto di ponte levatoio!) all’entrata del salone.

Che sorpresa, il mattino seguente: ci è sembrato di entrare in un vero castello!

Abbiamo indossato i nostri costumi e festeggiato, accompagnati da splendide melodie medioevali.

Nelle prossime settimane, avremo molto da “lavorare”: vogliamo scoprire come sono fatti i grandi castelli che ancora si possono vedere in Italia e svelare i misteri che nascondono…

Chissà se anche il Mago Trasformello ha vissuto una festa di Carnevale bella come la nostra!

 

(Insegnanti della Scuola dell’Infanzia Parini – sezioni D, E, F)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *